Giudiziaria Pozzallo 27/12/2013 14:47 Notizia letta: 2841 volte

Inquinamento al porto, assolto comandante della Hope Star

Mancanza di prove
http://pozzallo.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-12-2013/1396118354-inquinamento-al-porto-assolto-comandante-della-hope-star.jpg&size=666x500c0

Pozzallo - Fahd Hajjouz, il comandante della nave “Star Hope” ormeggiata nel Porto di Pozzallo, è stato assolto per mancanza di prove dall’accusa di inquinamento delle acque e conseguente danno per l’ambiente marino circostante. Lo ha deciso il giudice del tribunale penale di Ragusa, Trovato.

Il comandante Hajjouz, di nazionalità siriana, difeso dall’avvocato Franco Rovetto, del Foro di Modica, oltre alla condanna penale principale rischiava la sanzione accessoria della sospensione e/o radiazione dall’albo internazionale relativo ai comandanti marittimi.

I fatti per i quali l’allora procuratore della Repubblica di Modica, Francesco Puleio, emise il decreto di citazione a giudizio risalgono al mese di aprile del 2010. Secondo l’accusa, il comandante Hajjouz era colpevole di avere versato in mare sostanze inquinanti, propriamente le acque di sentina prodotte dalla stessa nave e gasolio. Le indagini furono effettuate dagli uomini della Capitaneria di Porto di Pozzallo e dall’Arpa di Ragusa. Per l’esattezza, l’ipotesi di reato di inquinamento delle acque e conseguente danno per l’ambiente marino circostante fu accertato dagli inquirenti nella notte del 7 aprile del 2010.

Nel corso dell’istruttoria dibattimentale si è registrata una ferrea contrapposizione tra gli uomini della Capitaneria di Porto, che hanno confermato le circostanze relative all’accertamento dell’inquinamento marino, e il difensore Rovetto, che aveva già rilevato e ha ribadito poi come “i prelievi e i relativi verbali furono effettuati in violazione dell’art. 223, norme di attuazione del codice di procedura penale”, ragione per cui erano di fatto inutilizzabili. 

Come anticipato, il giudice Trovato del tribunale penale di Ragusa ha assolto l’imputato ai sensi dell’art. 530 comma 2° c.p.p., ovvero per mancanza di prove.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif